Nuovi moduli per dichiarazioni ENEA

A questi link distribuisco i moduli aggiornati che riportano TUTTI i dati che servono, da oggi, per le dichiarazioni 2018:

F2018_biomassa

F2018_oscuranti

F2018_pansol

F2018_SERRAMENTI

F2018_TENDE

I problemi maggiori che incontrerà il cliente sono relativi all’impianto termico, soprattutto per i condomini con situazioni complesse, dove il libretto di impianto è custodito dal terzo responsabile.
Le informazioni richieste sono le MINIME INDISPENSABILI per fare la dichiarazione.
Ciascuno si stampi quelli di sua pertinenza e modifichi eventuali stampati che già oggi distribuisce ai clienti.
Resto a disposizione.

Giovanni TISI

4 pensieri riguardo “Nuovi moduli per dichiarazioni ENEA

  • 4 Aprile 2018 in 16:44
    Permalink

    Buongiorno Giovanni.
    Ti pongo una domanda che mi ha lasciato senza risposte, da dare al cliente, che mi dice di avere avuto informazioni tramite la sua banca, relativamente al recupero fiscale per risp energetico;
    Gli è stato comunicato che il recupero fiscale non è più in 10 anni ma che puo’ scegliere in quanto tempo e chiedere che il rimborso non sia di pari quota suddiviso per anni ma avere una quota maggiore SUL primo anno…..Puoi illuminarmi ??
    Grazie, Clara Dell’Oca

    Risposta
    • 5 Aprile 2018 in 13:37
      Permalink

      No, non posso illuminare alcunchè. Non mi risulta.

      Se vogliamo citare il famoso filosofo, potremmo dire che ‘Mi hanno detto che c’è una teiera in orbita attorno alla terra’ …. e chi lo può smentire?

      Risposta
  • 6 Aprile 2018 in 10:11
    Permalink

    Buongiorno,
    volevo sapere se, in caso di contestuale sostituzione di serramenti e persiane, occorre compilare sia la parte relativa ai serramenti che quella concernente le chiusure oscuranti.
    Grazie
    GI.VI.SER. SRL

    Risposta
    • 7 Aprile 2018 in 9:49
      Permalink

      Salvo future precisazioni, no.
      Al momento, in attesa dei decreti attuativi, vale il vecchio e quindi UNA sola pratica (in questo caso, una sola scheda) per entrambe gli interventi.

      Ovviamente, se poi dovesse mai succedere che mettessero limiti separati per i vari interventi, converebbe farli separati.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *